Powered By Blogger

venerdì 16 settembre 2022

❤️

Nessun commento:

Posta un commento

"CRUMBS of CITY "

"CRUMBS of CITY "

ARSENICO

Sono in mezzo al lago pieno di stelle leggere ....e dopo il cielo

mi ricorda qualcosa .. ...

.... Senza veleno!

BENEDICTA

La grande benedizione è il domani...
Avere dei sogni da conquistare... vedere le stelle anche quando stelle non ci sono ......e ci incontriamo !!

MY HAPPY ENDING

HO UN INFATUAZIONE CARDIACA...

METAMORFOSI

C'è qualcosa che nasce da lì Dove tutto finisce e così Quando non c'è più niente da fare C'è qualcosa che... C'è qualcosa, qualcosa di te Tra le parole e il disordine E i pensieri scomposti e smarriti Sparsi qua e là...
Forse il mondo riuscirà A rifarsi il trucco e l'abito Come una farfalla che mi gira intorno E in fondo è un po' Come se tu fossi sempre quà
Puntualmente, in ogni cosa bella che mi capita Per ricordarmi che ogni giorno è il giorno migliore Siamo in viaggio da sempre Qui dove niente si crea Nè si distrugge Tra realtà illusorie E infinite metamorfosi...
E anche l'abbraccio più intenso Quando credi che sia l'ultimo E' qualcosa di più, di più, di più Mentre il mondo cade giù Chiede il paradiso al diavolo Io resto sempre più là fuori dal tempo Dove sarai a nasconderti, chissà Da qualche parte, in qualche angolo della mia anima Oggi un anno se ne va ma è un giorno come gli altri Uno qualunque Si, un anno se ne va ma è un giorno come gli altri Uno qualunque Perchè ogni giorno è il giorno migliore Ogni giorno è il giorno migliore...

FERRO E CARTONE

Ricordi
lontani e lo sai
non pensarti stanca
non pensarti mai ...

è tardi
e forse non vuoi
anche se ti cerco
non mi sentirai


Coprirò le distanze per venire da te
misurando le forze, quando vento non c'è
in un giorno di sole volerò via da qui

sono ferro e cartone queste mie nuove ali.


I giorni,
non passano mai
uno dopo l'altro
dimenticherai
ritorni , a volte lo fai
anche se ti sento
non risponderai


Coprirò le distanze per venire da te

misurando le forze quando vento non c'è
in un giorno di sole volerò via da qui
sono ferro e cartone le mie ali e così


farò in modo che il viaggio sia il piu' breve che so
e trovato il coraggio da te tornerò
dovrò fare attenzione per non cadere giù
tra rimorso e dolore e non perderti più


Sono ferro e cartone
le mie ali e così
respiro diventerò

(sono ferro e cartone le mie ali e così)
in volo mi librerò
leggero in bilico ...


(francescorengafeatmetantacauta)

Je suis ou tu và

Je suis ou tu và

CHE FA LASSU' METANTACAUTA?

CHE FA LASSU' METANTACAUTA?

EVERY BREATH YOU TAKE

Every breath you takeEvery move you makeEvery bond you breakEvery step you takeIll be watching youEvery single dayEvery word you sayEvery game you playEvery night you stayIll be watching youOh,cant you seeYou belong to meHow my poor heart achesWith every step you takeEvery move you makeEvery vow you break Every smile you fakeEvery claim you stakeIll be watching youSince youve gone I been lost without a traceI dream at night I can only see your faceI look around but its you I cant replaceI feel so cold and I long for your embraceI keep crying baby, baby, please...Oh, cant you seeYou belong to meHow my poor heart achesWith every breath you takeEvery move you makeEvery vow you breakEvery smile you fakeEvery claim you stakeIll be watching youEvery move you makeEvery step you takeIll be watching you... (The Police - Synchronicity -1983)

RESPIRA

Respira
Anche quando non c’è aria
Respira
Per poi rifarlo ancora
Anche se il tuo sogno prende
e torna qui e ti passa accanto
Hai corso tutto il giorno è solo lunedì
e ti senti stanco
Lei non chiama e non ti chiamerà
perché c’è un altro lui
Respira di fuori è primavera
e tutto si colora
Respira
il sole riscalda ancora suvvia respira….
Anche quando non c’è storia
Respira
anche se è un vuoto di memoria
Anche se hai tuoi occhi la realtà si deforma
L’ultima cartina che ti da non incolla
a Che tuo padre non ci crede più cosa cambierà
Respira di fuori
è primavera e tutto si colora
Respira
il sole riscalda ancora suvvia respira….
Respira
Il profumo della natura Respira
La pioggia sai è finita e
rischiara respira
Stringi un filo d’erba fra le dita
Dove sei stata
Respiri aria ancora ..

IN UN GIORNO QUALUNQUE

Vedi si rimane in piedi
anche se tu non ci credi
Dimmi cosa vuoi sapere,
cosa vuoi di questo amore

Anche se non respiro e non mi vedo più
In un giorno qualunquedove non ci sei tu

Anche se aspetto il giorno,
quello che dico io,
dove ogni tuo passo si confonde col mio

Forse serve un po’ di tempo
Credo, spero, penso, sento …

Voglio essere importante per te
e non per la gente
Anche se non respiro e non mi vedo più
In un giorno qualunque dove non sei tu

Anche se aspetto il giorno,
quello che dico io,
dove ogni tuo passo si confonde col mio
Niente da dire, niente da fare
forse c’è un tempo per riprovare
Perché tu sarai sempre il mio solo destino
Posso soltanto amarti, senza mai nessun freno

Anche se non respiro e non mi vedo più
In un giorno qualunque dove non ci sei tu...

(Metantacauta feat Marco Mengoni)

...

Scelti da chissa' che mano
per esser buttati in mezzo alla nebbia
con chi alla nebbia s'e' gia' rassegnato
ed ha spalle curve e vestiti umidi

Corse finite al mattino col cuore
che batte in un mucchio di sabbia
su fette d'asfalto dal fondo ceduto
due lepri ogni tanto si fermano li'
si fermano a urlare:
siamo qui angeli della nebbia.
Guardaci buttaci solo un po' di colore
angelo Ci puoi sentire o no?
Sei li'? Sei li'? Sei li'?

C'e' un piatto pieno di vita puntata
in scommesse gia' perse in partenza
ma prima di tutto van tutte giocate
che l'allibratore si diverta un po'
Senti proprio tutto bene?
Rumori e corpi attutiti
e gocce che provano a bagnarci dentro
due lepri si danno una bella scrollata
e al prossimo campo si fermano
un po' si fermano a urlare:
siamo qui angeli della nebbia.
Guardaci buttaci solo un po' di colore
Angelo Ci puoi sentire o no?
Sei li'?
Sei li'?

TU MI RUBI

Sei... si' che lo sei
ladra d'amore sai
quello che vuoi
non hai pudore
tu mi rubi il cuore
tu mi rubi il cuore
tu mi rubi il cuore
sì che lo fai
sei ombra per me
in mezzo a un deserto
sei l'ombrello che
rimane aperto
tu mi rubi il cuore
tu mi rubi il cuore
tu mi rubi il cuore
e non lo sai che
una cosa uguale
nella vita
io non l'ho provata
mai entrata
all'interno di notte
e di giorno..
tu mi rubi il cuore
ruba ruba che tanto
ne ho tanto tu mi rubi
il cuore ruba tanto
sai che ne ho in avanzo
tu mi rubi il cuore
io d'amarti tanto
non mi stanco
e tu lo sai prendilo,
scaldalo,
tienilo tu mi rubi
il cuore e non venderlo
di contrabbando
tu mi rubi il cuore
a nessuno mai mi
raccomando
tu mi rubi il cuore
è una cosa nostra
questo amore e tu lo sai
e prendi ciò che ho
di migliore ti prego no ...
non dirmi si per
farmi un favore
non servono parole
(tu mi rubi)
se non ti basta il sole
(tu mi rubi)
puoi sempre usare il mio calore
(tu mi rubi)
tu me lo rubi e non sai
(tu mi rubi)
che una cosa
uguale nella vita
io non l'ho provata mai
entrata all'interno
di notte e di giorno
... rubi il cuore me
lo rubi è d’inestimabile
valore e tu lo sei ...
si che lo sei
ladra d'amore ...
.... tu mi rubi......

WOMAN DO IT BETTER

WOMAN DO IT BETTER

NOI NO!!

Come sarà un giorno perdere la strada e andare via incontro alla realtà farsi travolgere da un vento di follia come sarà le mani stringere con tutta l'energia che l'aria ci darà le onde a fendere sassi schizzati via ...Avremo ancora braccia come ali libere di bere giorni e sere e un sole di isole su questa nostra faccia parole e musica ad asciugarci gole per una verità noi, noi no o noi mai più rubati...
Come sarà spaccare il mondo in due sputare il nocciolo con quell'ingenuità delle canzoni mie di un cuore incredulo avremo le speranze di figli in prestito che presto cresceranno un anno è un attimo e un cielo accenderanno comete come te e quanto amore e sete che possa piovere di più giù in fondo là più su più in alto ancora oltre noi no, noi no o noi mai più rubati noi che mai finimmo di aspettare provando a vivere e non vogliamo andare in paradiso se lì non si vede il mare noi no, noi o noi mai più rubati ..noi noi no..
Noi sogni di poeti .....
(Claudio Baglioni)

METANTA OGGI CANTA...

Un transatlantico di carta ti regalerò
quando dovrai partire
e un capitano con le mani lo navigherà
da questo a un altro mare
Un transatlantico di carta ti regalerò
e un aeroplano a vela
ed un pilota con gli occhiali lo piloterà
da questo a un altro cielo
E un canarino canterino addomesticherò
per le giornate scure
di quando il mare e il cielo dicono di no
e non si può viaggiare
Una bandiera senza segni ti regalerò
quando dovrai partire
e il vento forte di levante la sventolerà
che si potrà vedere
Una bandiera senza segni ti regalerò
e una clessidra d'oro
quando la sabbia del deserto lo trascorrerà
ti potrai riposare
E un canarino canterino addomesticherò
per le giornate scure
di quando il vento e il tempo dicono di no
e non si può più tornare
E un canarino canterino addomesticherò
per le giornate scure
di quando il vento e il tempo dicono di no
e non si può più viaggiare
Nuvole che stanno per scoppiare sotto di contorte verità con il sorriso aspetta il temporale che cancelli questa eternà siccità Questo inevitabile destino ti ha chiamato e dice che ti aspetterà ora ricomincia il tuo cammino perchè ora senti la necessità Cerco me stessa nell’aria nel buio profondomi voglio una donna migliore cerco le mani di un altroda oggi al domani che il nero diventi colore vedo un airone nel vento in fondo al tramonto lo sento anche in questo silenzio scopro la pioggia sul viso negli occhi, lo sguardo di chi è già una donna migliore... Passo dopo l’altro puoi trovare la soluzione a ingannevole realtà chiave che permetta di tornare per sfumare tutte le perplessità grande la paura di ri aprire una porta chiusa ormai da secoli mai hai la volonta di camminare da un passato ad un futuro che è già qui Cerco me stessa nell’aria nel buio profondo mi voglio una donna migliore cerco le mani di un altro da oggi al domani che il nero diventi colore vedo un airone nel vento in fondo al tramonto lo sento anche in questo silenzio scopro la pioggia sul viso negli occhi, lo sguardo di chi è già una donna migliore....Cerco me stessa nell’aria nel buio profondo mi voglio una donna migliore scopro la pioggia sul viso negli occhi, lo sguardo di chi è già una donna migliore..

POVERA PATRIA!

Povera patria! Schiacciata dagli abusi del poteredi gente infame, che non sa cos'è il pudore,si credono potenti e gli va bene quello che fanno;e tutto gli appartiene.Tra i governanti, quanti perfetti e inutili buffoni!Questo paese è devastato dal dolore...ma non vi danno un po' di dispiacerequei corpi in terra senza più calore?Non cambierà, non cambieràno cambierà, forse cambierà.Ma come scusare le iene negli stadi e quelle dei giornali?Nel fango affonda lo stivale dei maiali.Me ne vergogno un poco, e mi fa malevedere un uomo come un animale.Non cambierà, non cambieràsi che cambierà, vedrai che cambierà.Voglio sperare che il mondo torni a quote più normaliche possa contemplare il cielo e i fiori,che non si parli più di dittaturese avremo ancora un po' da vivere...

La primavera intanto tarda ad arrivare...
(FRANCO BATTIATO)

tre VOLTE dentro TE

Lei è qua, falsità come, radioattività Che mentre c'è da osare Uccide lo spettacolo carnale E l'anima brucia più di quanto illumini Ma è un addestramento mentre attendo Che io m'accorga che so respirare Che sei il mio sovversivo Mio sovversivo amore Non c'è torto o ragione E' il naturale processo di eliminazione Forse se, forse se, porta ad esitare Io vengo dall'errore, uno solo Del tutto inadatto al volo E anche se vedo il buio, così chiaramente Io penso la bugia affascinante E non mi accorgo che so respirare Che sei il mio sovversivo Mio sovversivo amore Non c'è torto o ragione E' il naturale processo di eliminazione Lei è qua, lei è qua come, radioattività Che mentre c'è da osare, Uccide lo spettacolo carnale Cinque pianeti, tutti nel tuo segno Il fallimento è un grembo e io ti attendoMentre ti scordi che puoi respirare Che sono il sovversivo ... Tuo sovversivo amore Non c'è torto o ragione
E' il naturale processodi eliminazione

DOVE VAI..

Dove vai

con la testa

nel tuo cuore

il cuore

in testa a me...


dove vai

grande amore

più leggero

io sono li con te

prima delle braccia

tue lo sai...


prima delle braccia

tue lo sai...

che gran vuoto abbracciai

il cielo era al suolo ormai

ora non c'e' niente

che non c'e'

questo poco e' sicuro

fuori e' il cielo e il cielo va.....


grandi mani

per tenerti accanto

più di tanto non ho

non ti limiterò.....

crescerò

questa mia vita tua,,,


Dove vai dove vai

vattene piano

lasciami un segno così

sul petto

sulla guancia

che tu puoi

considerarli regni tuoi......


dove vai dove vai

stammi vicino

prenditi quello che vuoi

la bocca

spinge forte i baci suoi

e vince fortemente noi

noi fra tanta gente

anima mia.....


stretto stretto

questo amore sia

indicibile si

noi umanamente qui

con quelle generose

ingenuità

che si perdono poi....

stretto stretto

resti in noi....


Dove vai dove vai

vattene piano

lasciami un segno così

sul petto

sulla guancia

tu che puoi

considerarci regni tuoi.....


Dove vai dove vai

niente dolore

niente parole ormai

l'amore

gioca con i tempi suoi

e vince fortemente noi...


Ora vai

con la testa

nel tuo cuore

e il cuore

in testa a me...


(Mango)

IL GIOVANE HOLDEN

...addio a Salinger che non ha più scritto un rigo .....ed ha fatto bene, la sua presenza non sarebbe mai stata all'altezza della sua assenza...Lui se ne è andato, il suo romanzo resta... un capolavoro della letteratura di tutti i tempi...mtc

SERENERE

Ripenserai agli angeli
Al caffè caldo svegliandoti
Mentre passa distratta
la notizia di noi due
Dicono che mi servirà
Se non uccide fortifica
Mentre passa distratta
la tua voce alla tv
Tra la radio e il telefono
risuonerà il tuo addio

Di sere nere
Che non c'è tempo
Non c'è spazio
E mai nessuno capirà..
Puoi rimanere
Perché fa male male
Male da morire
Senza te

Ripenserei
che
non sei qua
Ma mi distrae
la pubblicità
Tra gli orari ed
il traffico
lavoro e tu ci sei
Tra il
balcone
e il citofono
ti dedico i miei guai

Di sere nere
Che non c'è tempo
Non c'è spazio
E mai nessuno
capirà
Puoi rimanere
Perché fa male male
Male da morire
Senza te

Ho combattuto
il silenzio
parlandogli addosso
E levigato la tua assenza
solo con le mie braccia

E più mi vorrai
e meno mi vedrai
E meno mi vorrai

e più sarò con te
E più mi vorrai
e meno mi vedrai
E meno mi vorrai
e più sarò con te
E più sarò con te,

con te, con te
Lo giuro ..

Di sere nere
Che non c'è tempo
Non c'è spazio
E mai nessuno capirà
Puoi rimanere
Perché fa male male
Male da morire
Senza te ...



LE PIU' BELLE POESIE

Le più belle poesie
si scrivono sopra le pietre
coi ginocchi piagati
e le mani aguzzate dal mistero.
Le più belle poesie si scrivono
davanti a un altare vuoto,
accerchiati da agenti
della divina follia.
Così, pazzo criminale

qual sei
tu detti versi all'umanità,
i versi della riscossa
e le bibliche profezie
e sei fratello a Giona.
Ma nella Terra Promessa
dove germinano i pomi d'oro
e l'albero della conoscenza
Dio non è mai disceso

nè ti ha mai maledetto.
Ma tu sì, maledici
ora per ora il tuo canto perchè
sei sceso nel limbo,
dove aspiri l'assenzio
di una sopravvivenza negata.


(Alda Merini)

UN PO'..

Qui non è successo niente e non credo cambierà
e non è colpa della gente è il cielo grigio che c'è qua
è questa nebbia che confonde
e che ci inghiotte sempre un po'
e con amore ci nasconde in una parola è il Po
E' per colpa di quel fiume se io sono ancora qui
perchè un giorno c'era un ponte che univa gli argini
mentre adesso questo fiume in fondo è tutto ciò che ho
e tra diecimila anno è sempre qui che aspetterò

Perchè in fondo il mare ha un lato un solo lungo lato blue
anche lo sguardo più allenatonon può vederne mai di più
mentre chi vive accanto a un fiumeanche se è grande come quivede benissimo il confinee non può credere ai miracoli

E' per colpa di quel fiume se io sono ancora qua
perchè un giorno su quel ponte mi fermai a metà
e quest'aria che mi opprime in fondo è tutto ciò che ho
fino a quando l'altro lato dei miei sogni perderò
Qui non è successo nientee non credo cambierà
come quest'acqua tra le spondenon si ferma,
ma in realtànon ha mai cambiato il senso
e del resto come puòa quel mare io ci penso
ma mi fa paura... un po'. .


(Metantacauta feat Fiorella Mannoia)

CUORI

Non cerco una regina di denari io cerco un donna di cuori sai la mia reggia dov'e'sotto le stelle con te. A chi mi offre denariio gli rispondo picche a chi mi offre dei fiori tutto il mio cuore daro.' La vita e' un giocomischia le carteride chi vincechi perde piange ma la partita e' solo una nella vita ci vuole fortuna
una rivincita non ci sara'
Addio bella regina di denari amo la mia regina di cuori la tua ricchezza cos'e' quando l'amore non c'e' La vita e' un gioco mischia le carte ride chi vince chi perde piange Se muore il sole nasce la luna nella vita ci vuole fortuna io la fortuna l'ho avuta con te!

CI VUOLE UN GIORNO MIOLTO PIOVOSO PER MORIRE PAPERA!

CI VUOLE UN GIORNO MIOLTO PIOVOSO PER MORIRE PAPERA!

TREMORI AL TRAMONTO

TREMORI AL TRAMONTO
...io ti racconto...

UN GIORNO NUOVO


Oggi è un giorno nuovo che se mi passi accanto porti via anche il dolore Tienimi le mani e dammi un po' di tempo che passerà questo rumore Ci sarò e proverò ad esser vivo e più forte che mai Tu dammi un segno un aiuto un aiuto soltanto Ti ho cercata da sempre al di la di ogni luce nelle strade che vanno al cuore Ti ho cercata nel mondo tra la guerra e la pace oltre la solitudine Nelle onde del mare che hanno odore di casa e calore di braccia tese Lo vedi sono stelle ombre d'argento e rame figli da crescere col pane Lo vedi siamo schiene piegate a lavorare segreti messi sull'altare Ci sarò e proverò ad esser vivo e più forte che mai Ci sarò e proverò ad esser fuoco e a non bruciarti mai Ti ho cercata da sempre al di là di ogni luce nelle strade che vanno al cuore Ti ho cercata nel mondo tra la guerra e la pace oltre la solitudine Nelle onde del mare che hanno odore di casa e calore di braccia tese e calore di braccia tese Ti ho cercata da sempre al di là di ogni luce Nelle onde del mare che hanno odore di casa e calore di braccia tese

E io attendo Te!

E' LEI!

E’ lei che proprio in questo istante sta nascendo
nell’angolo più povero del mondo
Che forse questo mondo cambierà
E’ lei perché la povertà le da un vantaggio
Le dà più leggerezza e più coraggio
E con questo vantaggio lotterà
Contro guerre senza ragione
Contro guerre senza pietà
Contro guerre di chi le vuole
Contro guerre di chi le fa
E’ lei perché c’è già qualcuno che l’aspetta
E le darà equilibrio e tenerezza
E con questa certezza lotterà
Contro guerre senza ragione
Contro guerre senza pietà
Per pietà che è solo finzione
E si veste di santità
Contro antiche stregonerie
E moderne ingenuità
Contro tanti falsi profeti
E vere bestialità!.... Eh!!!
Lei che parte da zero
Lei che passa di qua
In un mondo confuso dalla sua civiltà
Tra chi invoca i diritti
Sulla terra promessa
E chi giura vendetta
Contro chi gliela tolta
C’è un vagito lontano
Forse il peggio è passato
È un futuro diverso
Forse è già cominciato!

(edoardo bennato - premio mogol 2010)
Ciao Amore, se ti lascio non andare via
stringiti al mio cuore in volo
io ti adoro, voglio portare i frutti del perdono
per quei nostri spiriti vigili da sempre
e poi sirene, sirene e lampi
le luci in faccia in mezzo al traffico
io senza te, cammino via dal tempo
io senza te, nel fuoco di un tramonto
ti sogno e un'altra notte se ne va
senza di me, senza di te, io senza te
Amore addio, se ritorno portami via
voglio sedermi in cima al tuo vulcano
io ti amo, dammi una tua lacrima ti prego
se ci muori per davvero
io senza te, cammino via dal tempo
io senza te, nel fuoco di un tramonto
e poi la radio, il telegiornale,
le bombe a mano niente da fare
io senza te, a una passo dalle nuvole
io senza te, ti porto fino al limite
dimenticando quella tua città
per te cammino, per te respiro
per questo amore vivo io senza te
io senza te, non ho più voglia di ridere
io senza te e cammino da te e respiro con te
per te cammino, per te respiro
peruesto amore vivo
io senza te ...
(Gianna Nannini)

L'AMICO CHE DORME

Che diremo stanotte all'amico che dorme? La parola più tenue ci sale alle labbra dalla pena più atroce. Guarderemo l'amico, le sue inutili labbra che non dicono nulla,parleremo sommesso. La notte avrà il volto dell'antico dolore che riemerge ogni sera impassibile e vivo. Il remoto silenzio soffrirà come un'anima, muto, nel buio. Parleremo alla notte che fiata sommessa. Udiremo gli istanti stillare nel buio al di là delle cose, nell'ansia dell'alba,che verrà d'improvviso incidendo le cose contro il morto silenzio. L'inutile luce svelerà il volto assorto del giorno.

Gli istanti
taceranno.

E le cose parleranno
sommesso.


( Cesare Pavese)

VARIETA' (G.Morandi)

In questo mondo che pare proprio ormai una palude spunti fuori come un'anatra, sull'acqua scivoli dimmi un po' che oggetto sei, sembri un giocattolo ma il tuo martello dimmi, dai, dove lo tieni ma il tuo martello dimmi se lo getterai oppure no io vorrei proprio che tu mi assomigliassi un po' in questo grande e immenso bisogno d'amore che ho Navi da guerra incrociano all'orizzonte e mille dubbi si ammassano nella mia mente che non sa dimmi se tu come me giochi con gli angeli oppure anche tu sei in fondo un'assassina con gli impauriti e ingenui occhi di bambina che non sa io vorrei proprio che tu mi assomigliassi un po' in questo grande e immenso bisogno d'amore che ho quanti palpiti misteriosi nell'universo quasi un niente senza nessuno, sempre più perso ormai io lo so che anche tu non fai miracoli ma dimmi che ce l'ha almeno una coscienza perché purtroppo io non posso farne senza, proprio no io vorrei proprio che tu mi assomigliassi un po' in questo grande e immenso bisogno d'amore che ho...

VIRTUALISMO!

VIRTUALISMO!

Stringimi Stringiamoci!

Questa notte naviga veloce sopra il mondo Sento il suo motore mentre mi sto addormentando Ma non sognerò, questa notte no Stringimi più forte tra la guerra e lo stupore Capiremo adesso tutto il senso di un amore che non muore mai Che non muore mai… non muore mai Stringimi stringiamoci Toccami tocchiamoci Accenderemo l’ultimo cielo Prendimi prendiamoci Fermati fermiamoci Ascolteremo cos’era vero Che non siamo soli Noi non siamo soli Non restiamo soli Soli….. noi Noi non siamo soli Noi non siamo soli Non restiamo soli Soli…. Noi Quante sentinelle aspetteranno senza voce Occhi aperti cercano la stella più veloce Che li prenderà, che li salverà Nella veglia della lunga notte ascolteremo Battere più forte i nostri cuori….è un suono solo Che non muore mai…. Stringimi stringiamoci Toccami tocchiamoci Accenderemo l’ultimo cielo Prendimi prendiamoci Fermati fermiamoci Ascolteremo cos’era vero Che non siamo soli Noi non siamo soli Non restiamo soli Soli….. Soli…. Noi
(Paola Turci cantava e son certa pensava a noi! )

SPINA E POESIA

Non è un dolore in più
è paura o ancora di più
è leggero e strano
è qualcosa che
mi sospinge in te
piano…
Non è un profumo in più
non è il vento ora sei tu
non mi lascia tempo
è qualcosa che
assomiglia a te
dentro…
Spina e poesia
chiara malinconia
non lasciarmi più
la rosa dell’inverno
sei tu e ormai so cosa
sei per me…
non mi lascia tempo
è qualcosa che
assomiglia a te dentro
Non è un amore in più
è pensarti come sei tu
è leggero e strano
è qualcosa che
mi sospinge in te
mi sospinge in te
mi sospinge in te...

(Mango)

Giovanna D'arco

Tutto questo campo di grano,
non ancora maturato,
tutto questo bel campo non ancora tagliato,
e questo sole che splende
sulla mia testa di soldato,
tutto questo bel sole re
che scende non è ancora passato.
Ah, se ti avessi trovato, ah se ti avessi cercato.
Quelle belle scatole cinesi che chiamano cuore,
e negli sguardi accesi che si chiamano amore,
in questa notte infinita, ma che sta per finire,
in quest'acqua da bere
che ho chiesto in ginocchio ma che tarda a venire.
Ah, se piovesse un poco, solamente un poco.


Perchè ho visto la Francia, dalla terra al mare,
e sulla punta della mia lancia
un uomo impallidire e tremare,
e le colombe e i serpenti
e gli sciocchi ed il rosso ed il nero,
e questo l'ho cantato con la voce che avevo.
Perchè ho visto il mio destino,
la mia stella di ragazza, sanguinare e bagnarsi,
sotto la mia corazza
e dicono che una notte abbia sentito una canzone,
una voce che mi chiamava,
e sapeva il mio nome, e sapeva il mio nome.


Tutto questo campo di grano
non ancora maturato,
tutto questo bel campo
non ancora attraversato,
e questa luna che muore,
sulla mia testa di soldato,
questo cielo che cambia colore,
questo cammino segnato.
Ah, se ti avessi guardato.

Perché ho visto la Francia, dalla neve al mare,
e sul piatto della bilancia la mia vita pesare
e le colombe i serpenti
e gli sciocchi ed il rosso ed il nero
e questo l'ho cantato con la voce che avevo.
Perchè ho visto il mio destino,
la mia stella di ragazza,
sanguinare e bagnarsi sotto la mia corazza
e dicono che una notte abbia sentito una canzone,
una voce che chiamava e che diceva il mio nome.


PASAJE

Màs Que Aire
Màs Que Agua
Màs Que Labios
Ligera, Ligera ..


Tu Cuerpo Es La Huella De Tu Cuerpo.

BOLERO

La scenografia dei tuoi appartamenti buia sacrestia della teatralità la diplomazia lavabiancheria dei miei chiarimenti solita amnesia della tranquillità la didascalia dei tuoi atteggiamenti sacra liturgia della formalità l'autobiografia enciclopedia dei miei mutamenti tormenti meteorologia della scontrosità e della codardia e ci baciamo là sopra il boccascena dell'ultima cena di chi tradirà e un'altra volta in più già ci si uccide la passione dentro un'auto nel burrone la spingiamo giù ma siamo sempre qua storie in bianco e nero dove abbiamo solo un ruolo fisso da comparsa nelle file di un bolero e tutto il resto e farsa noi venimmo qua facce da straniero dentro questa scena oscena per non farne a meno altro giro di bolero ed un altro sorso di veleno la radiografia dei miei giuramenti vaga profezia della meschinità la coreografia scelta simmetria dei tuoi turbamenti nuda rapsodia della sinuosità la tappezzeria dei miei pentimenti fiacca parodia della maturità la cineseria micro chirurgia dei tuoi sentimenti lamenti pura maestria della fragilità e della tirannia e se il mio cuore sta fermo alla frontiera tu ti mostri fiera della vanità perché‚ ci sono anch'io la tra i tuoi ninnoli d'avorio a suonare il repertorio di un eterno addio ma siamo sempre qua chiusi in un mistero che l'amor sia tutto e tutto ciò che noi sappiamo dell'amore che e un bolero in cui ci muoviamo noi saremo qua tra il falso e il vero il bene e il male quando voleremo digitando uno e zero in una realtà virtuale o contando il tempo di un bolero... (Claudio Baglioni)

QUELLI CEH BEN PENSANO!

Sono intorno a noi, in mezzo a noi, in molti casi siamo noi a far promesse senza mantenerle mai se non per calcolo, il fine è solo l'utile, il mezzo ogni possibile, la posta in gioco è massima, l'imperativo è vincere e non far partecipare nessun altro, nella logica del gioco la sola regola è esser scaltro: niente scrupoli o rispetto verso i propri simili perchè gli ultimi saranno gli ultimi se i primi sono irraggiungibili. Sono tanti arroganti coi più deboli, zerbini coi potenti, sono replicanti, sono tutti identici guardali stanno dietro a machere e non li puoi distinguere. Come lucertole si arrampicano, e se poi perdon la coda la ricomprano. Fanno quel che vogliono si sappia in giro fanno, spendono, spandono e sono quel che hanno. ...e come le supposte abitano in blisters full-optiona, con cani oltre i 120 decibels e nani manco fosse Disneyland, vivon col timore di poter sembrare poveri, quel che hanno ostentano e tutto il resto invidiano, poi lo comprano, in costante escalation col vicino costruiscono: parton dal pratino e vanno fino in cielo, han più parabole sul tetto che S.Marco nel Vangelo e sono quelli che di sabato lavano automobili che alla sera sfrecciano tra l'asfalto e i pargoli, medi come i ceti cui appartengono, terra-terra come i missili cui assomigliano. Tiratissimi, s'infarinano, s'alcolizzano e poi s'impastano su un albero, boom! Nasi bianchi come Fruit of the Loom che diventano più rossi d'un livello di Doom... Ognun per se, Dio per se, mani che si stringono tra i banchi delle chiese alla domenica, mani ipocrite, mani che fan cose che non si raccontano altrimenti le altre mani chissà cosa pensano, si scandalizzano. Mani che poi firman petizioni per lo sgombero, mani lisce come olio di ricino, mani che brandiscon manganelli, che farciscono gioielli, che si alzano alle spalle dei fratelli. Quelli che la notte non si può girare più, quelli che vanno a mignotte mentre i figli guardan la tv, che fanno i boss, che compran Class, che son sofisticati da chiamare i NAS, incubi di plastica che vorrebbero dar fuoco ad ogni zingara ma l'unica che accendono è quella che dà loro l'elemosina ogni sera, quando mi nascondo sulla faccia oscura della loro luna nera...


Sono Intorno A Me Ma Non Parlano Con Me... Sono Come Me Ma Si Sentono Meglio….

IRUBEN-ME

Ricordarti nuda è ricordare la terraliscia... umida ...libera, la terra senza un giunco, forma pura chiusa nell’avvenire: confine d’argento e menta!Ricordarti nuda è come ricordare l’acqua, semplice ... dolce ...salata, forma aperta senza lati,con tutto il suo passato che guarda avanti… Questo ricordo di te…

PADREMADRE


Padre, occhi gialli e stanchi,
nelle sopracciglia il suo dolore da raccontarmi...
Madre, gonna lunga ai fianchi,
nelle sue guance gli anni e i pranzi coi parenti...
Non mi senti? O non mi ascolti,
mentre piango ad occhi chiusi sotto al letto.

Padre, e se mi manchi
è perché ho dato più importanza ai miei lamenti...
Madre, perché piangi?
ma non mi hai detto tu, che una lacrima è un segreto?
Ed io ci credo, ma non ti vedo
mentre grido e canto le mie prime note!

Ma se, una canzone che stia al posto mio non c'è,
eccola qua: è come se, foste con me!

Padre, mille anni,
e quante bombe sono esplose nei tuoi ricordi!
Madre, tra i gioielli,
sono ancora il più prezioso tra i diamanti?
Ma non mi ascolti, non mi senti,
mentre parto sulla nave dei potenti!

Ma se, una canzone che stia al posto mio non c'è,
eccola qua
: è come se, foste con me!
Ma se, una canzone che stia al posto mio non c'è,
eccola qua:
è come se, foste con me!

Padre, occhi gialli e stanchi,
cerca ancora coi tuoi proverbi a illuminarmi...
Madre, butta i panni,
e prova ancora, se ne hai voglia a coccolarmi,
perché mi manchi,
e se son stato così lontano è stato solo per salvarmi!
Così lontana è stato solo per salvarmi!

Ma se, una canzone che stia al posto mio non c'è,
eccola qua: è come se,
foste con me!
E' come se, foste con me!!
E' come se, foste con me!!


metantacauta





PACE

L'orgoglio disse
guarda non mi sbaglio
non ho torto
e non mi pento.
La rabbia gli rispose
tu sei un pazzo
ma sstai attento che ti ammazzo.
La tristezza stava
in un angolo
vestita del suo pianto.
L'astuzia non diceva quasi niente
ascoltava solamente.
L'amore diede fiato alla sua voce
e disse solamente..pace
cercare solamente un pò di pace
per chi non parla e per chi troppo dice
cosi che ogni momento sia felice
sapessi amore mio come mi piace
quando mi dici ti amo in sottovoce
perchè la vita sai va via veloce
e viverla con te mi fa felice.
La noia fece posto all'abbandono
salutò se ne andò via
E la paura stava li a tremare
e disse non è colpa mia
La gioia saltellando
litigava contro la malinconia
Poi venne l'odio
e disse a tutti quanti
ora andatevene via
L'amore diede fiato alla sua voce
e disse solamente..pace
cercare solamente un pò di pace
per chi non parla e per chi troppo dice
cosi che ogni momento sia felice
sapessi amore mio come mi piace
quando mi dici ti amo in sottovoce
perchè la vita sai va via veloce
e viverla con te mi fa felice.
Pace
sapessi amore mio come mi piace
quando mi dici ti amo sottovoce
perchè la vita sai con te è felice.

(ARISA - premiomogol 2010)

GUARDA GIU'

Ti sei accorta che è tutto fermo
intorno?
Che anche il sole si impegna
un po’ di più
A scaldare la pelle delineare
il contorno
Tra la vita che sfiori e il sogno
che sei tu
Sarà l’amore a prenderci le braccia
Puntare su di noi
Giocando con l’azzardo tutta la pazzia
Sarà l’amore
A scivolarci in fondo cambiarci
anche la faccia
Scaraventarci in preda ad
ogni desiderio
Qualsiasi cosa sia
A sollevarci spalancare le sue ali
per portarci via
Guarda giù
Stringimi adesso mentre dici
Che bello essere felici
Guarda giù guarda giù guarda giù
Hai mai volato così in alto
Con un abbraccio e niente altro...
Ti sei accorta che in un
bacio c’è un respiro solo
Mentre altrove tutta l’aria no
non basta mai
Che questa estate brucia come
un fuoco senza dolo tra l’urgenza che
grida e il soccorso che mi dai
Sarà l’amore su di noi come gli piaccia
A consegnarci arresi
Per avere indietro
La sua libertà
Sarà l’amore ad ubriacarsi
berci fino all’ultima traccia
strapparci nude derubarci
depredarci con avidità
sottrarci ancora tempo
ad inseguirlo quando si dileguerà...
Guarda giù...
Stringimi forte mentre dici
E’ questo essere felici
Guarda giù...
Hai mai volato così in alto
Toccando proprio tutto quanto

Fin oltre dove più non vedi
Lentamente se mi segui
Ti porto su...
Ti porto su...

NOI VOGLIAMO

1-Noi vogliamo cantare l'amor del pericolo, l'abitudine all'energia e alla temerità. 2-Il coraggio, l'audacia, la ribellione, saranno elementi essenziali della nostra poesia.3-La letteratura esaltò fino ad oggi l'immobilità penosa, l'estasi ed il sonno. Noi vogliamo esaltare il movimento aggressivo, l'insonnia febbrile, il passo di corsa, il salto mortale, lo schiaffo ed il pugno.4-Noi affermiamo che la magnificenza del mondo si è arricchita di una bellezza nuova: la bellezza della velocità 5-Noi vogliamo inneggiare all'uomo che tiene il volante, la cui asta attraversa la Terra, lanciata a corsa, essa pure, sul circuito della sua orbita.6-Bisogna che il poeta si prodichi con ardore, sfarzo e magnificenza, per aumentare l'entusiastico fervore degli elementi primordiali.7-Non vi è più bellezza se non nella lotta. Nessuna opera che non abbia un carattere aggressivo può essere un capolavoro.8-Noi siamo sul patrimonio estremo dei secoli! poichè abbiamo già creata l'eterna velocità onnipresente.9-Noi vogliamo glorificare la guerra-sola igene del mondo-il militarismo, il patriottismo, il gesto distruttore 10-Noi vogliamo distruggere i musei, le biblioteche, le accademie d'ogni specie e combattere contro il moralismo, il femminismo e contro ogni viltà opportunistica o utilitaria11-Noi canteremo le locomotive dall'ampio petto, il volo scivolante degli areoplani. E' dall'Italia che lanciamo questo manifesto di violenza travolgente e incendiaria col quale fondiamo oggi il Futurismo...

(Marinetti)

NIENTE E' COME SEMBRA

Rovinò lungo la china

solo chi ha un destino rovina

non voglio che l'impuro ti colga

ti darò a una rondine in volo

Niente è come sembra

niente è come appare

perché niente è reale…

Ti darò a un ruscello che scorre

o alla terra piena di mimose

qualcuno si ferma al tuo passare

Niente è come sembra

niente è come appare

perché niente è reale

I was in my car

watching for the bend

I was looking for you…

Dal balcone ammiravo il vuoto

che ogni tanto un passante riempiva…..

è stato solo un presentimento

ti voglio ricordare che...

Niente è come sembra

niente è come appare

perchè niente è reale…


(Franco Battiato)

BALLATA DEGLI IMPICCATI


Ho licenziato Dio

Gettato via un amore

Per costruirmi il vuoto

Nell’anima e nel cuore.

Le parole che dico

Non hanno più forma

Ne accento

Si trasformano i suoni

In un solo lamento

Mentre fra gli altri nudi

O striscio verso un fuoco

Che illumina i fantasmi

Di questo osceno gioco

Perché non hanno fatto

Delle grandi pattumiere

Per i giorni più usati

Per queste ed altre sere

E chi sarà mai il buttafuori del sole

Che li spinge ogni giorno sulla scena

Delle prime ore

E soprattutto chi è e perché

Mi ha messo al mondo dove vivo

La morte con antico tremendo?

Quando scadrà l’affitto d i questo

Cuore idiota allora avrò il mio premio

Come una buona nota

Mi citeranno il monito a chi crede

Che sia bello giocherellare a palla

Con il proprio cervello

Cercando di lanciarlo oltre il confine stabilito

Ho tracciato i bordi dell’infinito.

Tu che mi ascolti insegnami

Un alfabeto che sia vero

Come l’amore che ho dato

Profondo quanto sono sincero…


(Fabrizio De Andrè)

SING A SONG!

SING A SONG!

IL TUO CUORE LO PORTO CON ME

Il tuo cuore lo porto con me
Lo porto nel mio
Non me ne divido mai.
Dove vado io, vieni anche tu, mia amata
qualsiasi cosa sia fatta da me,
la fai anche tu, mia cara.
Non temo il fato
perchè il mio fato sei tu...
Non voglio il mondo, perchè il mio,
il più bello, il più vero sei tu.
Questo è il nostro segreto profondo
radice di tutte le radici
germoglio di tutti i germogli
e cielo dei cieli
di un albero chiamato vita,
che cresce più alto
di quanto l'anima spera,
e la mente nasconde.,
Questa è la meraviglia che le stelle separa.
Il tuo cuore lo porto con me,
lo porto nel mio.

Edward Estlin Cummings

LA LINEA SOTTILE

A mia volta mi fido del mondo
non ti dico le botte che prendo
Non c'è modo di starsene fuori
da ciò che lo rende tremendo e stupendo.
La canzone rimasta nel vento
le sorprese che fa il firmamento
ed i primi che mangiano tutto
e gli ultimi pagano tutto quel conto
per il cielo è un po' presto
per l'inferno non c'è posto
per qualcuno è solo buio pesto
a mia volta ti apro la casa
e ti trovi davanti un vampiro
che a mia volta devo succhiare
tutto l’amore che riesco a rubare per me
la linea sottile fra baciare e mangiare
la linea sottile fra venire e partire
c'è una linea sottile
fra star fermi e subire
cosa pensi di fare?
da che parte vuoi stare?


A mia volta non smetto di andare
anche se non si sa ancora dove
a mia volta invecchio alla svelta
perché non rinuncio a una certa illusione
una faccia che sembra destino
ed un vecchio che torna bambino
e traguardi che sono partenze
e un tramonto che sembra mattino
per il cielo è un po’ presto
per l’inferno non c’è posto
per qualcuno è solo l’antipasto
a mia volta mi lascio un po' stare
e mi faccio un periodo di mare
che a mia volta non è che mi cerco
che poi non si sa cosa posso trovare da me
la linea sottile fra il tuo bene e il tuo male
la linea sottile fra dormire e sognare
c’è una linea sottile fra tacere e subire
cosa pensi di fare?

Da che parte vuoi stare?

Vuoi vedere che non era niente
vuoi vedere che era già tutto lì
vuoi vedere che è venuto il tempo
e che è facile cosi
fra la voglia e il piacere
fra la noia e il bicchiere
c’è una linea sottile fra aspettare e scoppiare
cosa pensi di fare?
Da che parte vuoi stare?
la linea sottile fra baciare e mangiare
la linea sottile fra venire e partire
C'è una linea sottile
fra star fermi e subire
cosa pensi di fare?
Da che parte vuoi stare?

CHE COSA DIRE DI TE

Che cosa dire di te...
sei un grande amore
come descrivere te...
terribilmente fragile
è bastato un soffio di vento
a far volare noi
e adesso voli verso me
sono sicura non sparirai da qui
che cosa dire di te...
sei la mia ombra
come descrivere me...
sicuramente donna
non è bastato quel soffio di vento
a separare noi
ma sai più di una cosa rimane qui
ricordo tenerissimo di te
che cosa dire di te dei tuoi sorrisi
di te del tuo profumo
sei stata un bel casino sai
che cosa resta di te...
di te...di te...
rimane più di un brivido
e ho bussato alle porte del tempo
e mi hai aperto tu..
che ora invece non te ne vai più..
mentre una stella cade giù...
con te...ricordo tenerissimo
...rimane più che un brivido...tu!

SUPERSTAR

Dopo ogni concerto
io riprendo il volo,
mi ritrovo solo,
mi ritrovo solo.
Dentro la mia villa,
dentro la natura,
che mi fa paura,
che mi fa paura.
E’ così grande anche se
sembrava piccola a me
se confrontata a quella
di quel grande artista americano.
Firmo dieci autografi
e zero melodie,

niente più poesie,
niente più poesie.

Non mi aspettavo lo sai
di diventar
come mai avrei sperato,

ed invece sono una superstar,
mestierante in vanità.
Sono ricco, grazie
ma chiamami celebrità,
sei solo l’ultimo dei fa.
Ogni artista sogna
quando è ancora niente,
di essere importante,
di essere importante.
Ma la morale ora mai
non è mansione per noi
gli dei del rock’n roll.
Io sono una superstar,
mestierante in vanità.
Sono ricco, grazie ma
chiamami celebrità,
sei solo l’ultimo dei fà. ..

(Pierdavide Carone feat Mtc)

CARA DROGA

Cara droga finalmente
sto trovando il coraggio
di scriverti
io ti voglio raccontare
tutto l'odio che ti porto
e tu lo sai perche'
mi hai sconfitto
ed e' vigliacco
ogni giorno io mi graffio l'anima
da ogni viaggio insieme a te
ritorno indietro
piu' vigliacco e inutile
e tu godi tu sorridi
soddisfatta ed operi
sempre in compagnia
nei momenti in cui si spaccano
i colori e la mia mente
vola via
approfitti dell'istante
in cui non reggo
la mia solitudine
e riempi la mia mente
di quei vuoti che riesci
a vendermi…
cara droga ti detesto
per la gente che ancora
uccidera' per te
ed i sogni che hai rubato
la natura che hai corrotto
e deridendoli
travestita da compagna
che si offre nuda
solo per amore
in un letto di piaceri
artificiali tu mi sfianchi
e te ne vai
voglio maledirti
raccolgo le forze per gridarti
la rabbia che sola posso darti
con l'anima a pezzi ormai
voglio che ti resti
il mio disprezzo
come sola mia eredita'
soltanto la rabbia posso darti
con l'anima a pezzi ormai
voglio che ti resti
il mio disprezzo
come sola mia eredita'

(Franco Simone)

KURT VONNEGUT

KURT VONNEGUT
....da leggere per un bel pò...

RICOMINCIO DA QUI

Me ne accorgo così
Da un sospiro a colazione
Non mi piace sia tu
Il centro di me
Niente mi porterò
Solo vento tra le mani
Più leggera sarò
Sospesa
Sorriderò prima di andare
Basterà un soffio e sparirò
Forse sarà pericoloso
Forse sarà la libertà
Mi guarderai e vedrai una
Eppure non sarò sola
Una novità sarà
E mi porterà
A non fermarmi mai
Non voltarmi mai
Non pentirmi mai

Solo il cielo avrò sopra di me
Solo il cielo avrò sopra di me
Ricomincio da qui
Da un'effimera illusione
Mi risveglio e ci sei
Ancora tu
Qui…

(canta Malika Ayane)

MADRE DOLCISSIMA


Niente di nuovo
tranne l'affitto per me
che mi ritrovo
e mi riperdo perché
non ho più un Dio non ho
e ho perso l'anima
vago nel vento
vado però!

Niente di nuovo
tranne l'affitto per me
che ci riprovo
e non capisco cos'è
ti amo perché ne ho bisogno
non perché ho bisogno di te
io vago nel vento
vado però!
Niente di nuovo man
tranne l'affitto per me
e non è per caso che
vengo in ginocchio da te
madre dolcissima
carezzami la testa
che vado nel vento
vago però!

Mama salvami l'anima ....Mama salvami l'anima...Mama salvami l'anima.......Mama salvami l'anima.......Mama salvami l'anima…

(Zucchero Fornaciari)


LA CANZONE POPOLARE (Ivano Fossati)

Alzati che si sta alzando la canzone popolare se c'e' qualcosa da dire ancora, se c'e' qualcosa da fare alzati che si sta alzando la canzone popolarese c'e' qualcosa da dire ancora, ce lo dirà se c'e' qualcosa da imparare ancora, ce lo diràsono io oppure sei tu, che hanno mandato più lontanoper poi giocargli il ritorno sempre all'ultima mano e sono io oppure sei tu, chi ha sbagliato più forteche per avere tutto il mondo fra le bracciaci si e' trovato anche la mortesono io oppure sei tu, ma sono io oppure sei tu alzati che si sta alzando la canzone popolarese c'e' qualcosa da dire ancora, se c'e' qualcosa da fare alzati che si sta alzando la canzone popolare se c'e' qualcosa da capire ancora, ce lo diràse c'e' qualcosa da imparare ancora, ce lo dirà sono io oppure sei tu la donna che ha lottato tantoperché il brillare naturale dei suoi occhinon lo scambiassero per pianto e invece io lo vedi da te, arrivo sempre l'indomani e ti busso alla porta ancora e poi ti cerco con le mani sono io, lo vedi da te, mi riconosci, lo vedi da te alzati che sta passando la canzone popolare sono io, sono proprio io, che non mi guardo più allo specchio per non vedere le mie mani più veloci, ne' il mio vestito più vecchio e prendiamola fra le braccia questa vita danzante questi pezzi di amore caro, quest'esistenza tremanteche sono io e che sei anche tu, che sono io e che sei anche tu alzati che sta passando la canzone popolare alzati che si sta alzando la canzone popolare se c'e' qualcosa da dire ancora, ce lo diràse c'e' qualcosa da capire ancora, ce lo diràse c'e' qualcosa da chiarire ancora, ce lo dirà se c'e' qualcosa da cantare ancora, ce lo dirà.

IL SOLE ESISTE PER TUTTI

In questa mattina grigia In questa casa che ora è veramente solo miRiconosco che sei l’unica persona che conosca Che incontrando una persona la conosce E guardandola le parla per la prima volta Concedendosi una vera lunga sosta Una sosta dai concetti e i preconcetti Una sosta dalla prima impressione Che rischiando di sbagliare Prova a chiedersi per prima Cosa sia quella persona veramente Potrò mai volere bene Tu che pensi solamente spinta dall’affetto E non ne vuoi sapere di battaglie d’odio di ripicche e di rancore E t’intenerisci ad ogni mio difetto Tu che ridi solamente insieme a me Insieme a chi sa ridere ma ridere di cuore Tu che ti metti da parte sempre troppo spesso E che mi vuoi bene più di quanto faccia con me stesso E’ trasceso il concetto di un errore Ciò che universalmente tutti quanti a questo mondo Chiamiamo amore Ti fermo alle luci al tramonto e ti guardo negli occhi E ti vedo morire Ti fermo all’inferno e mi perdo perché Non ti lasci salvare da me Nego i ricordi peggiori Richiamo i migliori pensieri Vorrei ricordassi tra i drammi più brutti Che il sole esiste per tutti Esiste per tutti Esiste per tutti Ciò che noi sappiamo ha da tempo superato ogni scienza logica concetto o commento di filosofia eremita ciò che non sei tu e che voglio tu capisca è quanto unico e prezioso insostituibile solo tuo sia il dono della vita Ti fermo alle luci al tramonto e ti guardo negli occhi E ti vedo morire Ti fermo all’inferno e mi perdo perché Non ti lasci salvare da me E nego il negabile Vivo il possibile Curo il ricordo E mi scordo di me E perdo il momento Sperando che solo perdendo quel tanto Tu resti con me Ti fermo alle luci al tramonto e ti guardo negli occhi E ti vedo morire Ti fermo all’inferno e mi perdo perché Non ti lasci salvare da me E nego i ricordi peggiori Richiamo i migliori pensieri Vorrei ricordassi tra i drammi più brutti Che il sole esiste per tutti Esiste per tutti Esiste per tutti ......
TIZIANO FERRO

TUTTI GLI ZERO DEL MONDO


A tutti gli zeri del mondo il mio personale pensiero piccoli eroi maltrattatilasciati soli in un angolo oscuro mentre vanno cercando una strada una luce un riparo, una guida ecco che si ritrovano sempre fra le grinfie dell'ultimo Giuda sono gli ultimi in fondo alla listasono li' e non li vede nessunosono loro gli zeri del mondo stessi occhi lo stesso profumo e se fossi anche tu come loro facessi parte anche tu di quel coro rischieresti magari una voltache la sola speranza non basta ecco tutti gli zeri del mondo sono loro che chiudono il cerchio di un destino fin troppo scontato che ti stampa indelebile che ti stampa indelebile che ti stampa indelebileun marchio chi tradisce e' la solita gente che ti lancia un'occhiata e svanisce quando infine hai raggiunto il tuo culmine alle spalle un crudele colpisce ho giurato di amarvi un po' tutti se soltanto riusciste a capire ma qualcuno esce fuori dal gruppo e si lascia pian piano cadere sono grato agli zeri del mondo per la loro assoluta pazienza perche' vogliono, osano, credono...rispettando...la loro coscienza ...

(Renato Zero)

DECISA-MENTE

Ho deciso: Quando morirò mi farò abbracciare dal mare!

....


Dici che il fiume
Trova la via al mare
E come il fiume
Giungerai a me
Oltre i confini
E le terre assetate
Dici che come fiume
Come fiume...
L'amore giunger
L'amore...
E non so più pregare
E nell'amore non so più sperare
E quell'amore non so più aspettare...

Ogni giorno una goccia di veleno e diventi immortale! (Cleopatra)

...

'O Terremoto!
Dentro i colpevoli e fuori i nomi
Mezzogiorno di fuoco e sangue
tra famiglie onorabili
Sul mercato canta il violino
la ballata dell'immunità, oh
Vogliamo i ladrones,
vogliamo tutti i loro nomi
Terremoto ed eclissi al sole
Le persiane ti ascoltano
Abbandono da triste storia
Ho paura ma' e voglio da mangiare
Fiori e piombo
Sangue al sangue
Eran secoli secoli secoli secoli fa
O forse un attimo un attimo
un attimo un attimo
Il ladro, dimmi chi è
Voglio il nome, voglio il nome
Il ladro, dimmi chi è
Non so niente, non so dove,
Non so dire chi è
E' un parassita un parassita
Il ladro dimmi dov'è
Mezzogiorno canta il violino
Qui si chiama fatalità
Combatti il terrore,
prova a dargli faccia e nome
Terremoto di fiori e sangue
Non è la fame ma
l'ignoranza che uccide!
Combatti il terrore,
prova a dargli faccia e nome
Ma non un attimo un attimo
un attimo in più,
Perché è già troppo già troppo
già troppo già troppo
Il ladro, dimmi dov'è
Voglio il nome, voglio il nome
Il ladro, dimmi chi è
Non so niente, non so dove,
Non so dire chi è
E' un parassita un parassita
Il ladro dimmi dov'è
Lo voglio qui ...
Il ladro, dimmi dov'è ..
Voglio il nome, voglio il nome
Il ladro, dimmi chi è
Lo voglio qui
Dentro i colpevoli, fuori i nomi
o' terremoto' ...
'fanculo l'onore e l'omertà..
Se dovessi inventarmi il sogno
del mio amore per te
penserei a un saluto
di baci focosi
alla veduta
di un orizzonte spaccato
e a un cane
che si lecca le ferite
sotto il tavolo.
Non vedo niente però
nel nostro amore
che sia l'assoluto
di un abbraccio gioioso.

(ALDA MERINI)
La domanda più stupida del millennio … e non è la prima volta ….. Ovvero _ tradiscono più gli uomini o le donne !? ma che c a z … di domanda : TRADISCONO I TRADITORI !!! (ovviamente)

IL SILENZIO E LA LUCE!

Ascolta questo silenzio
di fango e di canne sottili
di acque che battono
le grondaie ma che cosa
sarà delle acque
cosa sarà di noi ...
Ascolta questo silenzio
di neve che cade
dagli occhi lo so che
hai pensato anche
al pianto ma che
cosa
sarà
della neve,
cosa sarà di noi ..

E adesso sogna,
sogna ancora
che chi sogna non
dorme quasi mai
e adesso sogna,
sogna amore
che chi sogna non
muore quasi mai
Perché la morte esiste
ma è solo un piccolo
destino perché poi
c'è l'amore, l'amore
a volte lontano
a volte troppo vicino

Ci sono più fuochi
che stelle in questa notte
di spire di fumo lo sai ti ho
creduta nel fuoco ma che
cosa sarà della notte,
cosa sarà di noi..
E' una luce benigna
di grano,luce d'immensa
povertà ..polvere di chi
la sa sopportare
ma che cosa sarà della luce,
cosa sarà di noi ...

E adesso sogna,
sogna ancora
che chi sogna non
dorme quasi mai
e adesso sogna,
sogna amore ..
che chi sogna non
muore quasi mai
perché la morte esiste
ma è solo un piccolo destino
Perché poi c'è l'amore,
l'amore ...
a volte troppo lontano ...
a volte troppo vicino...

(C.D.A feat Metantacauta)
L'amore è sempre nuovo. Non importa che amiamo una, due, dieci volte nella vita: ci troviamo sempre davanti a una situazione che non conosciamo. L'amore può condurci all'inferno o in paradiso, comunque ci porta sempre in qualche luogo.E' necessario accettarlo, perché esso è ciò che alimenta la nostra esistenza. Se non lo accettiamo, moriremo di fame pur vedendo i rami dell'albero della vita carichi di frutti: non avremo il coraggio di tendere la mano e di coglierli. E' necessario ricercare l'amore là dove si trova, anche se ciò potrebbe significare ore, giorni, settimane di delusione e di tristezza.
Perché, nel momento in cui partiamo in cerca dell'amore,
anche l'amore muove per venirci incontro, e ci salva...

Paulho Coelho, Sulla Sponda del Fiume Piedra

....E TU CON ME..... (MATANTACAUTA)



....

E’ con te negli occhi che mi assale la sera….

TUTTE LE STRADE PORTANO A TE

Che vento che tira
taglia il respiro spinge

un po' in la..
forse ci vuol cambiare
mi sa che non ce la farà
mi riesci a sentire
in questo rumore?
vieni un po' qua
fammi sentire il mare
al centro di questa città
tu sai che ciò che so
sai la vita che ho
riparti un po'
forse ti piove dentro
usa la casa che ho
Fino a che
tutte le strade portano a te
lascia che piova pure
prendiamo il sole che c'è
fino a che
Tutte le strade

portano a te
non ci si può sbagliare
prendiamo il tempo che c'è
Il mondo non gira
o almeno non come
volevi tu
come ci avevan detto
quando era buona un idea
tu che sei ciò che sei
che non cambierai mai
promettimi che ci sarà

sempre un posto
che tieni caldo per me

Fino a che ...
Tutte le strade

portano a te
lascia che piova pure
prendiamo il sole che c'è
fino a che
Tutte le strade

portano a te
non ci si può sbagliare
prendiamo il tempo

che c'è ...

QUELLI CHE ......LEGGONO!

COME MI VUOI?

Come mi vuoi?
posso fare tutto,

inventare un trucco
Come mi vuoi?
se ti spendo un fiore,

poi mi chiami amore?
Come mi vuoi?
distratto, un po’ incosciente,
banale ma divertente, violento...
dimmi se va bene, sennò rallento...


Come mi vuoi?
strano, disonesto,

anche un po’ maldestro
Come mi vuoi?
compro le tue idee,

ma devi darmi il resto...
Come mi vuoi?
sereno, intelligente
magari un po’ insolente...

mi arrendo?
... ancora non ti prendo?


Lo trovo, lo trovo, vedrai se ci provo
dev’esserci un modo,per giungere a te...
al tuo meccanismo, al tuo interruttore
corrente alternata ma sento che c’è...
Io cerco mi informo, e poi mi trasformo
ma aspetta che torno, non sono più me
amore ghiacciato, un po’ complicato
avrai la tua formula, dimmi qual’è?


Come mi vuoi?
discreto, con più tatto,

o vuoi che faccia il matto?
Come mi vuoi?
libero, egoista

o bravo equilibrista
Come mi vuoi?
un poco esagerato,

o anche sfortunato ...

mi arrendo?
ma ancora non ti accendo?


Lo trovo, lo trovo, vedrai se lo scovo
dev’ esserci un modo per stringermi a te
nel tuo nascondiglio, sei un muro o un imbroglio
però io ti spoglio, e ti vesto di me..
Io guardo,mi scosto però finché posso
c’è già mare grosso, farei chissaché...
amore distante ma troppo importante
un angolo solo e dimmi che c’è...


(Eoardo De Crescenzo)

ECCOMI QUA!

ECCOMI QUA!

LISSEN!

LISSEN!

IRRAGGIUNGIBILE?

IRRAGGIUNGIBILE?